Passato o profezia?

La storia delle carmelitane francesi trucidate dai rivoluzionari è nota e non starò qui a riassumerla, la si può trovare un po’ dovunque, anche sulla superficiale wiki.

Suggerisco solo uno spunto di decisione… visto tutto quello che sta accadendo, in Francia in particolare, non è che tutto QUESTO

si sta piano, piano avverando?

Omosessualità: la dottrina cattolica

Questo vizio non va affatto considerato come un vizio ordinario, perché supera per gravità tutti gli altri vizi.

 

Peccato abominevole
“Non accoppiarti con un maschio come si fa con la donna: è cosa abominevole (…). Tutti quelli che commetteranno tali azioni abominevoli verranno sterminati di mezzo al popolo.”
(Levitico 18,22 e 29)
“Se un maschio giace con un altro maschio come si fa con la donna, entrambi hanno commesso un abominio: vengano messi a morte e il loro sangue ricada su di loro.”
(Levitico 20,13)
Esclusi dalla salvezza
“Non illudetevi: né i fornicatori, né gli idolatri, né gli adulteri, né gli effeminati, né i sodomiti (…) erediteranno il Regno di Dio.”
(San Paolo, I Cor. 6,9-10)
Va sempre punita
“I delitti che vanno contro natura, ad esempio quelli compiuti dai sodomiti, devono essere condannati e puniti ovunque e sempre (…). Dio infatti non ha creato gli uomini perché commettessero un tale abuso di loro stessi.”
(Sant’Agostino, Confessioni, c. III, p. 8)
Passione diabolica
“Non solo le passioni degli omosessuali sono sataniche, ma le loro vite sono diaboliche. (…) Perciò io ti dico che costoro sono anche peggiori degli omicidi, e che sarebbe meglio morire che vivere disonorati in questo modo.”
(San Giovanni Crisostomo, Homilia IV in Epistula Pauli ad Romanos, cfr. Patrologia Graeca, vol. 47, coll. 360-362)
Il peggiore dei vizi
“Questo vizio non va affatto considerato come un vizio ordinario, perché supera per gravità tutti gli altri vizi.”
(San Pier Damiani, Liber Gomorrahanus, in Patrologia Latina, vol. 145, coll. 159-190)
Sodomia maledetta
“Non è peccato al mondo che più tenga nell’anima, che quello della sodomia maledetta; il quale peccato è stato detestato sempre da tutti quelli che son vissuti secondo Iddio.”
(San Bernardino da Siena, Predica XXXIX, in: Prediche volgari, p. 896)
Grida vendetta al cospetto di Dio
“Il peccato impuro contro natura (…) grida al cospetto di Dio, perché lo dice lo Spirito Santo e perché la sua iniquità è così grave e manifesta che provoca Dio a punire con più severi castighi”.
(San Pio X, Catechismo maggiore, n. 967)
Atto intrinsecamente cattivo e disordinato
“Gli atti omosessuali sono intrinsecamente disordinati e (…) non possono in nessun caso ricevere qualche approvazione”.
(Congregazione per la Dottrina della Fede, Dichiarazione Persona humana del 29 dicembre 1975, n. 8)
“La particolare inclinazione della persona omosessuale (…) costituisce una tendenza, più o meno forte, verso un comportamento intrinsecamente cattivo dal punto di vista morale”.
(Congregazione per la Dottrina della Fede, Lettera sulla cura pastorale delle persone omosessuali, n.3)
Gravi depravazioni
“Basandosi sulla sacra Scrittura, che presenta le relazioni omosessuali come gravi depravazioni, la Tradizione ha sempre dichiarato che gli atti di omosessualità sono intrinsecamente disordinati”.
(Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 2357)
Ciò detto…. se le attuali proposte di legge sulla cosiddetta (inesistente) omofobia dovessero essere approvate dal parlamento… per le precedenti affermazioni io sarei passabile di denuncia. Ergo… se ciò dovesse avvenire vi pregherei di portarmi le arance in carcere, grazie. Nel Regno Unito è già accaduto.

Molti amici, anche vicini alle mie posizioni, si stupiscono perché io sia così feroce politicamente. Perché io sia così profondamente scandalizzato, irritato dalla sinistra, italiana in particolare. Perché per me appartenere alla sinistra e soprattutto, peggio che mai, aver votato PCI, o non condannare tutta, integralmente l’esperienza del PCI, sia qualche cosa di indecente. Peggio, molto peggio che essere simpatizzanti del fascismo, quasi peggio che simpatizzare col nazismo.

E’ vero, nonostante la storia di parte della mia famiglia, nonostante il mio carissimo nonno, vecchio socialista fino al midollo, io ritengo letteralmente de-lin-quen-zi-a-le aver sostenuto e votato il PCI ieri e non condannare, oggi, in toto, in blocco, il PCI, “senza se e senza ma”, come dicono gli attuali compagni. Di conseguenza gli attuali membri della sinistra, anche quando per evidenti motivi anagrafici non possono essere accusati di aver sostenuto il PCI, in stragrande maggioranza parimenti guardano a quell’associazione a delinquere che fu il PCI con un occhio benevolo, quando non simpatizzante “fu una grande stagione”, “portò avanti battaglie giuste”, “fu un punto di riferimento istituzionale”, “fu il partito della moralità”, ecc.

C’è un momento in cui concepii il giudizio durissimo che do, il quale poi è maturato e si è consolidato, grazie alle letture e agli studi, con gli anni. Avevo da poco compiuto undici anni. Mia madre per Natale aveva regalato a mio padre un libro di Indro Montanelli, “Dentro la storia” della Rizzoli, con la cronaca della rivolta d’ungheria del 1956. Mio padre si mise prima a sfogliare il libro, poi a leggerlo attentamente. Molte delle pagine riportate le aveva già lette in passato qua e là. A un certo punto lo vidi alzarsi in piedi e avvicinarsi a mia madre; indicava una delle ultime pagine del libro. Disse “Senti”, e lesse:

Solo mercoledì sera si ebbe la sensazione che stava per finire. E ci si ritrovò tutti nell’ufficio del ministro, davanti alla radio. Captammo Roma. Trasmettevano il discorso del ministro Martino. Un bel discorso. Ma, a chiusura, udimmo il grido lanciato in aula dai deputati comunisti: «Viva l’Armata rossa!».  A pochi passi da noi, l’Armata rossa stava mitragliando nelle cantine gli operai e gli studenti di Budapest, rimasti senza munizioni.

L’asciuttezza della prosa di Montanelli mi dipinse la scena come un fulmine che rischiara le forme. Due lampi mi passarono in testa, letteralmente, due lampi. Il primo che illuminava l’emiciclo del Parlamento, coi comunisti che si alzavano in piedi a gridare. Il secondo in cui studenti e operai rintantati in buie cantine venivano rischiarati dai flash delle mitragliatrici che li crivellavano, mentre, mi figuravo, il rumore degli spari si sovrapponeva all’invocazione dei deputati del PCI.

Ecco la autoproclamata “moralità” del PCI. Da quel giorno capii che il PCI era un partito di delinquenti. Capii che chi sosteneva o aveva sostenuto il PCI era connivente con delinquenti e assassini. Capii che chi aveva guardato o guardava al PCI senza la più profonda riprovazione era indulgente e simpatizzante con delinquenti e assassini.

Tra quei deputati del PCI della Seconda Legislatura della Repubblica c’era anche Giorgio Napolitano.

Dio alcuni papi li dona, altri li tollera, altri ancora li infligge.” (S. Vincenzo di Lérins)

Vorrei sperare che siamo nel secondo caso. Ma temo proprio che siamo nel terzo. Di sicuro non siamo nel primo!

Un interessante commento (non mio):

l fatto è che i media titolano – ed esaltano – il “nuovo stile”, il rifiuto degli “orpelli” (croce pettorale d’oro, scarpe rosse, mozzetta, trono pontificale). In sé, una scelta legittima. Ma se fare questa scelta significa umiliare pubblicamente il cerimoniere, il mite Guido Marini bruscamente strapazzato, e peggio ancora se significa porsi coscientemente e studiatamente in aperta contrapposizione con il predecessore, tentando di distruggere in 24 ore quanto era stato pazientemente proposto in otto anni (oggi, ad esempio, in Sistina è ricomparso l’altare posticcio), allora non è più segno di umiltà ma del suo contrario, l’alterigia. Ve l’immaginate un Benedetto XVI che il giorno dopo la sua elezione avesse cercato in mille modi di distinguersi e far diversamente da Giovanni Paolo II?

Già, questa non è umiltà: questo è dire “Uhé, sun chi mi, t’è capì?” Così, dall’oggi al domani arriva lui e stravolge tutto…. forse Francesco I non ha ben presente che il singolo Papa passa, solo il Papato resta: quale alterigia pensare che un singolo papa debba cambiare il Papato!

Che tristezza, che differenza con la gioia per l’elezione di Benedetto XVI otto anni fa…

La fedeltà a Pietro rimane, nonostante tutto, deve rimanere, se no saremmo come tutti: non si segue per simpatia. Ma stavolta ci è stato messo veramente uno difficile da seguire!

Preghiamo perché Dio illumini Colui che, purtroppo, è a tutti gli effetti Papa. Che Dio Gli parli, e che il Papa Lo ascolti.

Franciscus Papa

E così, nella maniera più inaspettata, è andata. In tutta sincerità la prima impressione che ho avuto non è stata molto positiva. Ma tant’è: il Papa si segue, al Papa si è fedeli, come ho già detto. E la Chiesa non la regge neanche il Papa, ma Qualcun altro. Vedremo ora che cosa questo nuovo Papa farà, con l’illuminazione dello Spirito Santo.

VIVAT PAPA FRANCISCUS, VIVAT ECCLESIA CATHOLICA!

Conclave

Stamattina sono passato in Piazza San Pietro, a dire una preghiera e a vedere…

Ecco, (quasi) in diretta… la loggia delle benedizioni addobbata di porpora, pronta ad accogliere il nuovo Pontefice, e là, piccolino, sulla destra, il camino della Sistina!

IMG_1182

VENI SANCTE SPIRITUS AD ELIGENDUM SUMMUM PONTIFICEM

Expectans

SedesVacans

Ora è questa la nuova bandiera del blog…. e mai bandiera fu più opportuna anche per lo Stato Italiano.

Ahimé, occorre abbandonare la vecchia bandiera… segno dell’ideale da seguire.

italinger021.jpg

Ora siamo in sede vacante, parimenti per il Papa e, si parva licet componere magna, per la nostra disastrata Italia….

Omnes expectantes…. in attesa di riprendere la navigazione.